La Festa dei Popoli a Palermo: integrazione e interculturalità per una città migliore

Domenica 7 maggio si è svolta al Foro Italico la prima edizione della Festa dei Popoli dal tema "Tutti i popoli per la giustizia e la pace". L'evento, organizzato dall'Associazione di Volontariato "Arcobaleno di Popoli" si inserisce nell'ambito delle iniziative di Palermo Capitale dei Giovani 2017, è stata sostenuta dall'Amministrazione comunale ed ha avuto numerosi partners che hanno contribuito alla sua realizzazione, l'Arcidiocesi di Palermo è stata presente attraverso gli uffici Migrantes, Missionario, del Dialogo ecumenico ed interreligioso e la Caritas. Hanno collaborato anche l'Ass. S. Chiara, il Centro Arrupe, il Centro Astalli, la Missione di Speranza e Carità di Biagio Conte, la sartoria sociale Al Revès e associazioni di migranti: Camminiamo insieme, le comunità ghanese, mauriziana, delle Filippine, dello Sri Lanka, dell'Ecuador, del Perù, della Romania e del Senegal.

Hanno collaborato all'iniziativa alcune istituzioni scolastiche: il Liceo Artistico "E. Catalano", l'IIS "V. Ragusa e Otama Kiyohara-Parlatore", l'IISS "F. Ferrara", l'Ente Professionale "Don Orione".

La giornata è iniziata con un momento di preghiera interculturale guidata dai rappresentanti religiosi della Chiesa cattolica e delle comunità ebraiche e islamica. Il dott. Mario Affronti, responsabile del Servizio di Medicina delle Migrazioni e presidente dell'Associazione Arcobaleno di Popoli, ha inaugurato l'evento ricordando il motivo che ha dato origine a questa manifestazione, il desiderio di affermare "i valori e i principi di una vera integrazione". In una società che attraversa una crisi che non è solo economica e sociale ma anche civile e morale, i fenomeni migratori fanno paura perché sembrano mettere in crisi "lo stile di vita che conosciamo, conduciamo ed amiamo". La presenza dei migranti nella nostra città è diventata rilevante e strutturale, sono circa 37.000 a cui si aggiungono i richiedenti asilo e negli ultimi tempi, in misura crescente, i minori non accompagnati. Palermo non può dimenticare "il suo passato di città accogliente e genuinamente interculturale" e manifestazioni di questo genere aiutano a fare memoria di questo e a diventare più consapevoli che "è possibile che popoli e culture diverse vivano in armonia" e inoltre il momento della festa in comune è "un'opportunità per esprimere il bisogno di bellezza che abbiamo in questo territorio. E la diversità è bellezza".

Il tema della giustizia e della pace si è tradotto durante la manifestazione in diversi ambiti, gli studenti del Liceo Artistico "E. Catalano" e "V. Ragusa e Otama Kiyohara" hanno esposto i loro lavori per una mostra di solidarietà, è stata allestita una ludoteca per i bambini con animatori di culture diverse, si è svolto un torneo di pallavolo per i giovani, le diverse comunità etniche presenti nella nostra città hanno offerto l'opportunità di far gustare pietanze tipiche di altri paesi e l'Ente di Formazione Professionale "Don Orione" ha preparato i piatti della nostra tradizione siciliana.

Nel pomeriggio le diverse comunità culturali si sono espresse attraverso canti, balli e coreografie dei propri paesi in collaborazione con la Corale Interculturale animata da p. Sergio Natoli e con gli studenti dell'IISS "F. Ferrara".

È stato un momento di vera festa e anche il sindaco Leoluca Orlando ha voluto portare il suo saluto e incoraggiamento ad iniziative di questo genere che sono importanti per giungere ad una vera integrazione.

L'accoglienza è fatta di rispetto per le diversità e di amore per l'altro che è molto di più della tolleranza, Palermo ha una storia alle spalle di mescolanza di popoli e culture, ma è una storia che ha bisogno di essere riportata continuamente alla memoria e l'esperienza di integrazione interculturale del passato ha bisogno di essere nuovamente riconquistata e fatta propria dalle nuove generazioni.

Questa prima Festa dei Popoli nella nostra città ha voluto proprio esprimere una grande preoccupazione educativa coinvolgendo tanti ragazzi delle scuole che non hanno esitato a collaborare in vari modi alla riuscita dell'evento. La partecipazione dei giovani a queste iniziative è uno degli aspetti più importanti e decisivi per l'edificazione di una società dell'amore in cui sì possano instaurare relazioni fondate realmente sulla giustizia e sulla pace.

È un cammino in cui tutti, ognuno nel proprio ambito, possiamo contribuire a costruire un mondo più umano in cui il momento della festa è espressione del desiderio della condivisione e dell'armonia.

Foto di Simone Alfano

 

p h logo 355

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non accetti le funzionalità del sito risulteranno limitate. Se vuoi saperne di più sui cookie leggi la nostra Cookie Policy.