Sguardi d’amore per sempre


balsamo sguardi d amore prima di copertina 2

Antonino Balsamo, Sguardi d’amore per sempre, contiene: Il fantasma di Elena Atto unico - Annuccia la Roscia Dramma in quattro quadri, Presentazione di Violante Valenti, People & Humanities, Palermo 2018

ISBN 9788898596720

€10

Informazioni e ordini:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Il presente volume raccoglie due testi teatrali: Il fantasma di Elena e Annuccia la Roscia. Ciascuno dei due drammi ha per protagonista principale una donna che, inaspettatamente e, forse, senza la spinta del desiderio o della ricerca di un cambiamento, fa l’esperienza di uno sguardo di tenerezza gratuito e inatteso, che produce una conoscenza nuova del reale, del presente, dell’“ora”. È un avvenimento apparentemente banale e casuale, che dà significato al presente, che riempie di contenuto l’hic et nunc, genera una volontà di riscatto e di cambiamento, fa risorgere e converte. Nel primo testo la protagonista è Elena, l’eroina della mitologia greca; mentre, nel secondo, il dramma racconta la conversione di una giovane prostituta, che esercitava il suo mestiere nella Roma papalina a cavallo tra il XVI e il XVII secolo. È Anna Bianchini, detta Annuccia la Roscia, per la sua fluente capigliatura fulva, modella preferita da Caravaggio, che la ritrae in celebri capolavori, come, per ricordarne solo alcuni, Il riposo durante la fuga in Egitto e La Maddalena penitente.

 

Antonino Balsamo Ha insegnato lingua e letteratura latina e greca presso il Liceo Classico “G. Ugdulena” di Termini Imerese. Da anni si interessa di teatro classico. Ha diretto il laboratorio teatrale della scuola in cui ha insegnato, realizzando l’esecuzione e la messa in scena delle opere rappresentate. Ha curato la traduzione dell’Edipo re e dell’Edipo a Colono di Sofocle, il Prometeo incatenato di Eschilo, lo Ione di Euripide, le Nuvole di Aristofane. Il fantasma di Elena è stato messo in scena al teatro Kalòs di Termini Imerese nell’estate del 2008.

 

In copertina: acrilico di Martina di Luzio (2018)

p h logo 355

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non accetti le funzionalità del sito risulteranno limitate. Se vuoi saperne di più sui cookie leggi la nostra Cookie Policy.