Una serata in pizzeria per sostenere la Caritas di Palermo

 

donazione caritas 2

“Tu ci inviti alla tua mensa”. Questo è il titolo dell’iniziativa lanciata dalla Caritas diocesana in occasione della Quaresima. È un invito rivolto a tutti, soprattutto alle parrocchie, per organizzare momenti conviviali attraverso cui contribuire alle spese di ristrutturazione e adeguamento della Locanda del Samaritano, gestita dalla Caritas in Vicolo San Carlo – Piazza della Rivoluzione a Palermo.

La struttura fornisce, la colazione, un pasto caldo e la cena alle persone senza dimora o in situazione di grave emarginazione, seguite dal Centro di Ascolto Caritas, offrendo un momento di accoglienza e di ascolto finalizzato a orientarle verso la rete dei servizi presenti sul territorio

Domenica 10 marzo fra Pino Noto, direttore della Caritas, aveva celebrato la Messa delle 11,30 nella parrocchia di Sant’Ernesto e aveva lanciato l’iniziativa con queste parole: “Abbiamo pensato come uffici pastorali della Caritas, della catechesi, della liturgia, della pastorale giovanile che uno dei modi concreti per vivere una Quaresima di carità e contribuire generosamente alla campagna: “Tu ci inviti alla tua mensa”, attraverso una cena di solidarietà che ogni parrocchia può organizzare. In questo modo la nostra Caritas diocesana intende rispondere a tutte le forme di povertà, raccogliendo e sostenendo chi ha bisogno. Vi invito a rispondere con generosità a questo appello affinché tutta la comunità di sant'Ernesto sia davvero coinvolta in prima persona”.

Ha poi inserito questa proposta all’interno del tema della Quaresima: “Il digiuno e l'elemosina, che insieme alla preghiera caratterizzano il tempo della Quaresima, trovano concretezza nella vicinanza della chiesa di Palermo alle persone, alle famiglie colpite dalla crisi economica e dalla conseguente perdita di lavoro. Da alcuni anni, infatti, un numero sempre maggiore di uomini e donne bussa alle porte della Caritas diocesana per trovare un aiuto in grado di alleviare la loro condizione di povertà e indigenza e per guardare avanti con più speranza. Nello specifico, le persone che nell’ultimo periodo si sono rivolte alla Caritas diocesana sono aumentate notevolmente. Le richieste di aiuto sono aumentate: la maggior parte è costituita da nuclei familiari con figli minori a carico, famiglie dove è venuto meno l'unico stipendio e dove è cessata anche la cassa integrazione”.

La proposta è stata accolta con entusiasmo tra i parrocchiani che si sono dati appuntamento lunedì sera 25 marzo 2019 in pizzeria. I partecipanti hanno trovato sul tavolo una tovaglietta con il logo e le motivazioni dell’iniziativa ed è stato chiesto loro che al costo della pizza si aggiungesse una somma di danaro per contribuire alla proposta della Caritas.

“Sì è trattato di un bel momento di convivialità e fraternita - ha detto il direttore della Caritas parrocchiale Alfredo Liotta –. Alcuni hanno addirittura portato da casa frutta e dolci per rendere più gradevole la serata. Vi è stato anche chi, non potendo partecipare, ha contribuito con una propria offerta”.

Così ha commentato la serata fra Pino Noto: “Ancora una volta si è fatta esperienza di un gesto che popola la quotidianità, anche se potrebbe rimanere nascosto, ma se ci scaviamo dentro troviamo qualcosa di più della solidarietà e del volontariato: si chiama carità. È il cuore del modo di vivere e di condividere che Cristo ha portato nel mondo e quindi per ogni cristiano una possibilità di approfondire il proprio legame con Cristo”. E poi ha aggiunto: “Grazie alla comunità parrocchiale di Sant’Ernesto che ha partecipato alla Quaresima di carità e che ci testimonia che la carità costruisce, perché non è solo “fare del bene” ma una concezione nuova di sé e degli altri”.

p h logo 355

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non accetti le funzionalità del sito risulteranno limitate. Se vuoi saperne di più sui cookie leggi la nostra Cookie Policy.